Normative Agriturismo Veneto - Agriturismo Agriturismi Normative e Itinerari di Viaggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

La regione Veneto


La legge che regola l'attività agrituristica della regione Veneto è la legge regionale n. 9 del 18 aprile 1997.

L’imprenditore agrituristico deve richiedere al comune di competenza l’autorizzazione
, includendo:

-copia del libretto di idoneità sanitaria rilasciato a chi lavorerà nell’agriturismo;
-parere favorevole dell’autorità sanitaria competente sui locali per l’attività;
-certificato di iscrizione all’elenco degli operatori agrituristici rilasciato dalla Commissione provinciale agrituristica competente per territorio;
-attestazione di frequenza ai corsi di formazione previsti dalla legge regionale e organizzati su base provinciale o interprovinciale;
-domanda di classificazione della azienda agrituristica alla Commissione agrituristica provinciale di competenza.

Il Comune di competenza rilascia l’autorizzazione e ne invia copia alla Provincia.

Per iscriversi, invece, all’elenco degli operatori agrituristici, bisogna presentare un piano agrituristico aziendale
, indicando:
-il numero delle giornate di attività (non più di 160 annue e 80 posti a sedere, o 210 annue con 60 posti a sedere);
-il numero dei posti letto (massimo 30);
-il numero delle persone ospitabili in spazi aperti (massimo 30).

Ogni regione ha poi caratteristiche diverse. Riguardo la regione Veneto
, ad esempio:

-il numero massimo di ospiti è determinato dal piano agrituristico aziendale;
-deve essere garantito un servizio igienico ogni 6 posti letto, e ogni stanza deve avere un letto e una sedia per persona, un armadio, un tavolino e un cestino per rifiuti. Negli spazi aperti, possono essere ospitate massimo 15 persone, i servizi igienici devono avere almeno due gabinetti, due docce, due lavabi, un lavello, un lavatoio, una fontanella, un vuotatoio di facile accesso, una presa d’acqua. Se gli ospiti sono 30, i servizi igienici devono avere almeno 3 gabinetti, 3 docce, 3 lavabi (con presa per rasoio), 2 lavelli e 2 lavatoi, 1 fontanella, 1 vuotatoio di facile accesso, 1 presa d’acqua, 1 presa di corrente elettrica, illuminazione notturna;
-nei locali di ristorazione, il numero dei servizi igienici (bagno e antibagno) deve essere proporzionato al numero di posti a sedere (1 bagno ogni 25 posti, 2 bagni fino a 60 posti e 3 bagni oltre i 60 di cui uno per disabili);
-i locali adibiti a cucine-laboratori devono avere una superficie minima di almeno 12mq, pareti sino a 2mt lavabili e disinfettabili, lisce ed in materiale resistente, pavimento lavabile e disinfettabile, soffitto, finestre e porte protette da dispositivo contro gli insetti ed i roditori, lavello con erogatore d’acqua a comando non manuale, distributore di sapone e asciugamani, contenitore per rifiuti a pedale, cappa sovrastante il punto di cottura, tavoli da lavoro con superficie lavabile e armadietti chiusi, lavastoviglie, frigorifero con termometro, cucina familiare con settore con piano di lavoro lavabile e disinfettabile.

Per ottenere i finanziamenti
nella regione Veneto, bisogna inoltrare domanda alla Provincia competente.


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu